La finestra dei Rouet

Dominique, quarantenne, ancora vergine, spia la vicina che sta nella casa di fronte, Antoinette, giovane, sensuale e possibile assassina del proprio anziano marito. O, comunque, che non ha fatto nulla per impedirne la morte. La garanzia dello stile e di quel modo di illuminare le zone d’ombra dell’animo umano di cui solo Simenon è capace: una vita vissuta di seconda mano dalla protagonista e quel confondersi delle personalità che avviene quotidianamente e nel silenzio più totale.