Le Nouveau Réalisme. I cinquant’anni 1960_2010

Una mostra storica per festeggiare i 50 anni del movimento del Nouveau Realisme è la brillante scelta della Galleria Agnellini Arte Moderna di Brescia che prosegue così con fermento l’importante attività espositiva. Divenuta ormai saldo punto di riferimento e di fiducia per gli appassionati dell’arte, propone dunque Il Nouveau Réalisme (I cinquant’anni, 1960-2010), un’interessante quanto esaustiva collettiva curata da Dominique Stella.
Protagonisti assoluti della rassegna sono i cosidetti “Nouveaux Réalistes”, di cui si possono ammirare oltre cinquanta interessanti opere: Arman, César, Christo, Gérard Deschamps, François Dufrêne, Raymond Hains, Yves Klein, Martial Raysse, Mimmo Rotella, Niki de Saint Phalle, Daniel Spoerri, Jean Tinguely e Jacques Villeglé. “Il Nouveau Réalisme”, commenta Dominique Stella, “è un movimento di pensiero che la personalità di Pierre Restany ha concettualizzato attraverso un discorso e una riflessione che hanno messo in discussione la pittura e le pratiche artistiche della fine degli anni ’50”. Infatti, la grandiosa avventura dei Nouveaux Réalistes inizia nell’immaginazione di Restany nel 1959, come lui stesso afferma: “in particolare in occasione della prima Biennale di Parigi in cui furono esposte una proposta monocroma di Yves Klein, la macchina per dipingere di Tinguely (Métamatic) e la Palissade di Raymond Hains, ho intuito il denominatore comune di queste ricerche estremamente diverse e che fino a quel momento avevano seguito evoluzioni indipendenti: un gesto fondamentale di appropriazione del reale, legato a un fenomeno quantistico di espressione (l’impregnamento del colore puro in Yves Klein, l’animazione meccanica in Tinguely, la scelta del manifesto lacerato in Hains)”. Dopo pochi mesi tale intuizione si concretizza con la pubblicazione del primo manifesto, firmato dallo stesso Pierre Restany, presso la Galleria Apollinaire a Milano il 16 aprile 1960. L’evento anticipa la creazione vera e propria del gruppo, il 27 ottobre 1960 presso il domicilio di Yves Klein, a Parigi. Dominique Stella prosegue: “I Nouveaux Réalistes hanno così preso coscienza della loro singolarità collettiva. Nouveaux Réalistes = Nuovi approcci percettivi al reale”.