Impertinenze

Secondo i dizionari, i termini insolenza, impudenza, sfacciataggine, sconvenienza e arroganza sono tutti sinonimi di impertinenza. Eppure, nessuna di queste denotazioni negative rispecchia pienamente un atteggiamento reattivo che trae origine dal latino non pertinere, non appartenere a un certo contesto, e denuncia un’insofferenza insopprimibile nei confronti di un paradigma o uno standard precostituiti.
Che cosa possiamo definire, quindi, ‘impertinente’? Dalla fastidiosa musca depicta dei quadri rinascimentali alle rivisitazioni jazz di Schumann e ai montaggi irriverenti di Ejzenštejn fino ad arrivare alla sedia con una gamba annodata di Les Bourroulec o alla vittoria di Obama, Giulia Ceriani ed Eric Landowski ci propongono un interessante collage delle molteplici sfaccettature dell’impertinenza nella storia e nella società contemporanea, da cui emerge con chiarezza la natura non distruttiva di un istinto alla rottura che spesso, anzi, in una realtà congelata si rivela fecondo e salutare.
Questo libro ci dimostra come molte di queste ‘impertinenze’ il più delle volte finiscano per sviluppare e assumere regole proprie e diventare, quindi, ‘pertinenti’.