dicembre 2010

scarica flash

Giulia Ceriani ed Eric Landowski (a cura di)

Impertinenze


et al. / edizioni, Milano 2010
[www.etal-edizioni.it]

Secondo i dizionari, i termini insolenza, impudenza, sfacciataggine, sconvenienza e arroganza sono tutti sinonimi di impertinenza. Eppure, nessuna di queste denotazioni negative rispecchia pienamente un atteggiamento reattivo che trae origine dal latino non pertinere, non appartenere a un certo contesto, e denuncia un’insofferenza insopprimibile nei confronti di un paradigma o uno standard precostituiti.
Che cosa possiamo definire, quindi, ‘impertinente’? Dalla fastidiosa musca depicta dei quadri rinascimentali alle rivisitazioni jazz di Schumann e ai montaggi irriverenti di Ejzenštejn fino ad arrivare alla sedia con una gamba annodata di Les Bourroulec o alla vittoria di Obama, Giulia Ceriani ed Eric Landowski ci propongono un interessante collage delle molteplici sfaccettature dell’impertinenza nella storia e nella società contemporanea, da cui emerge con chiarezza la natura non distruttiva di un istinto alla rottura che spesso, anzi, in una realtà congelata si rivela fecondo e salutare.
Questo libro ci dimostra come molte di queste ‘impertinenze’ il più delle volte finiscano per sviluppare e assumere regole proprie e diventare, quindi, ‘pertinenti’.

Guido Candela e Antonello Eugenio Scorcu

Il maestro e il suo diritto

Temi e problemi del diritto di seguito

[www.allemandi.com]

Il droit de suite, il Diritto di seguito, concepito a tutela degli artisti, in Italia è legge dal 9 aprile 2006. I principali mercati d’arte, come Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, hanno da tempo valutato gli effetti economici di tale diritto. A distanza di quasi quattro anni dal varo della legge, in Italia l’Associazione Nazionale Case d’Asta ha inteso fare il punto della situazione, proponendo all’Università di Bologna una ricerca, la prima del genere in Europa, alla quale hanno concorso le competenze di esperti in discipline economiche, giuridiche e aziendali, messe poi a confronto con le esperienze degli operatori del mercato dell’arte. Con puntuali indagini e rilevazioni statistiche, la ricerca illustra le differenti posizioni di chi ritiene che il diritto di seguito sia uno strumento inefficace e di chi sostiene invece che, nonostante i molti problemi d’attuazione della legge, un diritto tanto complesso (la cui forma attuale non è ritenuta definitiva neppure dal legislatore europeo) richieda un processo di implementazione per tentativi, errori e correzioni.

James Mollison

Dove dormono i bambini


Contrasto, Milano-Roma 2010
[www.contrastobooks.com]

James Mollison durante i suoi viaggi ha fotografato le camerette di 56 bambini provenienti da 24 paesi di tutto il mondo: dagli Stati Uniti al Messico, dal Brasile alla Gran Bretagna, dall’Italia al Giappone all’India. Il risultato è un volume intenso e commovente che nella sua semplice e diretta testimonianza ci aiuta a riflettere sulle differenze sociali. E a fare di tutto per abbatterle.
Sfogliando questo volume si fa il giro del mondo, a ogni pagina si entra in una stanza da letto differente, si incontra il suo piccolo proprietario e si scopre la sua giovane vita.
Ogni storia racconta una vita diversa: un modo di essere bambino oggi che cambia da luogo a luogo, con tutti i problemi, i dubbi e le contraddizioni sociali che l’infanzia vive  nel nostro tempo.
La piccola Kaya, di Tokyo, ha l’armadio pieno di centinaia di vestiti colortissimi che la madre cuce per lei; Bilal, pastore  beduino della Cisgiordania, dorme all’aperto con il gregge di capre del padre; Indira, in Nepal, lavora in una cava di granito da quando ha tre anni mentre Ahkôhxet, piccolo indio Kraho, dorme sul pavimento di una capanna nel cuore della foresta amazzonica.

Steven Rand e Heather Kouris (a cura di)

Playing by the Rules: Alternative Thinking/Alternative Spaces


Apexart, New York 2010
[www.apexart.org]

Le regole alla base dello sviluppo e della gestione degli spazi alternativi e l’origine di queste stesse regole sono alcune delle domande a cui gli autori di Playing by the Rules cercano di rispondere. Il messaggio subliminale che si cela all’interno di questa pubblicazione è l’importanza del pensiero critico e il bisogno, sempre più urgente, di formulare un pensiero critico alternativo. Alcuni autori usano prendono ad esempio alcuni specifici spazi alternativi da in tutto il mondo per dimostrare le modalità “altre” di pensare di queste organizzazioni; altri esaminano le pratiche alternative sviluppate in altri campi del sapere, altri ancora presentano delle alternative agli stessi spazi alternativi. Playing by the Rules in tal senso intende offrire dei suggerimenti e nuove stimolanti prospettive, attraverso i saggi proposti, che possano essere di ispirazione per chiunque abbia un proprio pensiero critico.

Francesca Cognetti

Bovisa in una goccia

Nuovi equilibri per un quartiere in trasformazione
Polipress Editore, Politecnico di Milano 2007
[www.polipresseditore.it]

Il tessuto minuto del quartiere Bovisa e le grandi aree industriali che hanno segnato il suo passato si sono modificati in questi anni, caratterizzando questa parte del territorio come una porzione periferica ma fortemente attrattiva, legatasi sempre più saldamente ai temi della ricerca, della formazione e della creatività, senza comprometterne totalmente la
dimensione storica locale.
La ricerca intende interrogarsi sul trasferimento di questo ‘modello spontaneo’ all’interno di una politica in cui la valorizzazione di un ampio campo di risorse economiche, sociali e territoriali, può costituire elemento di vinnesco di positivi processi di sviluppo futuro. ‘Bovisa in una goccia’ perché è un quartiere cangiante, che si può guardare molto da vicino; ‘Bovisa in una goccia’ perché è un quartiere che dovrà trovare uno spazio nel progetto di trasformazione dell’area della goccia.