Marina Ballo Charmet, Parco_Londra, 2007

Marina Ballo Charmet. Parco

OutOfPlace meetings
Last update 06/03/08
Segnala: su Twitter | su Facebook | ad un amico

scarica flash

PARCO
un progetto di Marina Ballo-Charmet
intervengono Marco Belpoliti e Stefano Boeri

Connecting Cultures apre il nuovo ciclo di FuoriLuogo 2008 con il progetto Parco di Marina Ballo Charmet: oggetto del suo lavoro è l’ordinario che vediamo sempre ‘con la coda dell’occhio’.
Si tratta del margine della percezione, dove il lavoro è incentrato sui modi del nostro percepire lo spazio interno/esterno. Sulla città, la casa, il corpo in relazione allo spazio e sulle modalità dell’abitare le istituzioni e i luoghi pubblici.
Questa ricerca è stata realizzata in alcune metropoli europee (Milano, Roma, Parigi, Berlino, Londra) dove esiste da tempo una forte presenza di persone straniere/immigrate: qui l’artista ha effettuato diverse riprese fotografiche, concentrandosi su uno dei principali luoghi pubblici della città, il parco situato proprio all’interno del perimetro urbano.
I modi dell’abitare del parco portano in primo piano il tema del privato/pubblico; il tema del domestico portato all’esterno e del portarsi fuori, con sé, la casa.

6 MARZO 2008
Parco
h. 18.30, ingresso libero
Centro di Documentazione Arti Visive di Connecting Cultures
via giorgio merula 62, 20142 Milano

scarica il comunicato stampa
scarica la scheda di progetto

Con il patrocinio di