Laura Morelli, FuoriLuogo, 15.02.2007

Laura Morelli. Bunker

OutOfPlace meetings
Last update 15/02/07
Segnala: su Twitter | su Facebook | ad un amico

scarica flash

Bunker.
Un progetto di arte pubblica per rileggere la storia collettiva attraverso la memoria privata

un progetto di Laura Morelli
interviene Alessandro Tamburini

Bunker è un progetto artistico che coinvolge il territorio di Dalmine, Bergamo e provincia. Nasce dal desiderio di alcuni artisti di confrontarsi con un tema di grande attualità: il bunker come dimensione di incontro tra storia pubblica e microstorie private.
Attraverso forme e linguaggi dell’arte contemporanea – come installazioni, video e fotografie – il progetto, ideato dall’artista Laura Morelli e organizzato dall’Associazione Culturale DI+ e da Laboratorio 80, si propone di offrire al pubblico una visione sfaccettata dell’immaginario legato al bunker come luogo storico e metaforico – dall’uso originario, al successivo abbandono fino al recupero sotto forma di silenzioso contenitore storico – ma anche di svelare e suggerire nuovi significati e suggestioni che questo spazio evoca nella contemporaneità. E poichè il bunker è uno spazio che appartiene a tutti, l’iniziativa si è sviluppata come una coproduzione d’arte contemporanea, inserita nel tessuto sociale e realizzata attraverso il coinvolgimento attivo della popolazione in un inedito e stimolante percorso culturale e artistico sul filo che unisce memoria e presente, spazio pubblico e dimensione privata.
Il progetto artistico ha preso il via da un approfondito lavoro di ricerca storico-documentaria sul bunker, realizzato in collaborazione con la Fondazione Dalmine, che è stato il primo ed indispensabile passo per conoscere le caratteristiche del territorio e per formulare proposte per la valorizzazione dei rifugi antiaerei come patrimonio storico-architettonico, in collaborazione con il Comune di Dalmine e con S.C.A.M. (Speleologia Cavità Artificiali Milano). Muovendosi in una trama di testimonianze e di memorie, il lavoro artistico si è sviluppato attraverso video, installazioni e fotografie che tracciano sul territorio un inedito itinerario dal bombardamento di Dalmine, avvenuto il 6 luglio del 1944, fino al bunker contemporaneo, concepito non solo come rifugio antiaereo ma anche metaforicamente come luogo privato in cui sentirsi al riparo, così come ambiente pubblico di tutela e conservazione. Se la società contemporanea si osserva e si conserva, impegnandosi in una ricerca continua e a volte ossessiva di occasioni per ricordare il passato e per celebrarlo, troppo spesso la memoria trova come unica valvola di sfogo la commemorazione e si svuota di significato. Il progetto Bunker esce da questa logica e dà voce alla “singolarità” delle memorie, abbandonando le strada battuta della storia pubblica e seguendo il filo dei ricordi.

15 FEBBRAIO 2007
Bunker
h. 18.30, ingresso libero
Centro di Documentazione Arti Visive di Connecting Cultures
via giorgio merula 62, 20142 Milano

scarica il comunicato stampa
scarica la scheda di progetto

bunker-logo

Ideazione: Laura Morelli
Curatela artistica: Sara Mazzocchi
Organizzazione: Associazione Culturale DI+ &1lab
Grafica: Laboratorio 80
Ricerca storica: Fondazione Dalmine     Fondazionecompleto_alta

Con il contributo di:  S.A.C.B.O. Spa   sacbo

Con il patrocinio del Comune di Milano logo-Comune-Milano-Cultura